Il Tempo passa ...


06 ottobre 2008

Corri Forrest, corri!




E' passato un anno da quando facevo certe riflessioni. Alcune molto amare.

Apparentemente in un anno le cose non sono cambiate molto.

Il Paese dove vivo sta dimostrando sempre di più la sua reale natura.

Il lavoro, la crisi economica e impegni costosi ed ineludibili colpiscono ancora più dell' anno scorso.

La consapevolezza di avere commesso un tragico errore attanaglia mente e cuore.

Circa un mese fa ho visto Forrest Gump per la prima volta.

Un bel film.

Che mi ha fatto riflettere, ridere e piangere.

Qualcuno potrà osservare che si parla di *roba vecchia*.

Al contrario certi temi non invecchiano mai. E li riscopriamo giorno per giorno, mano a mano che passano gli anni.

Perché sono la vita.

Riusciamo a vedere significati nuovi e a rimpiangere ciò che non vediamo più.

Ma allo stesso tempo andiamo avanti verso il nostro destino.

La vita è un mistero. Non ha senso cercare di prevedere, anticipare o schivare i guai. Come si potrebbe esprimere meglio questo concetto se non con questa tenera frase:

"La vita è come una scatola di cioccolatini: non sai mai quello che ti capita"


E non sono sempre guai...

Nella vita incontri persone che ti sono affini e diventano tue amiche. Ti sono vicine quando serve.

A volte ti fanno fare pace con Dio.

O ci provano...

Non sempre si riesce ad ottenere ciò che si desidera. Anzi, spesso ci sfugge di mano come la sabbia.

Spesso così è l'amore.

E' così quando è incompreso o ci abbandona. Anche quando c'è ne rendiamo conto dolorosamente. Lo confessiamo a noi stessi.
Tutti potremmo avere detto una volta:

"Non sono un uomo intelligente, ma so l'amore che significa"





Ma forse non tutti hanno la consapevolezza di cosa significa amare... volere sempre è solo il bene dell'altro, al di là del proprio egoismo.

Alla fine c'è un unica cosa che conta.

Quando sembra che tutto vada male.

Quando non sembrano esserci più speranze.

Quando gli stessi sogni sembrano deliri opachi e privi di senso; cose da dimenticare nella polverosa soffitta dei rimpianti.

Ricordati sempre che:
Stupido è chi lo stupido fa

Quindi, qualsiasi cosa succeda, è molto meglio mettersi a correre.

Fino a quando serve.

Fino a quando ci è permesso.

Corri Forrest, corri!


Perché in fondo siamo tutti Forrest Gump.


O forse no.

Così è se vi pare.







4 commenti:

Antonio ha detto...

gentile amico,
la mia personale opinione e che l'intelligenza sia solo un ostacolo.
Il vedere lontano con razionalità,
agire con logica e metodo, capire troppo in fretta le cose,
può rappresentare un problema nella vita di tutti i giorni.
Einstein, che proprio stupido non era, diceva che : "la cosa più difficile nella vita
è combattere contro la mediocrità della gente, non dimostrare il concetto di relatività
generale".
Così anche in amore, pensare troppo e troppo profondamente ti impedisce di amare,
ti impedisce di non vedere certe cose che a volte spengono la fiamma.
Si, proprio un grande film, un film che io definisco geniale,
la migliore dimostrazione di come è, alla fine, la vita.
Ti trovi ricco sfondato senza sapere il perchè, vivi un amore sfrenato per una
persona che per lungo tempo ti ha ignorato.
bhe, un film geniale ma anche molto triste, lo rivedo sempre volentieri.
Un saluto

Rez ha detto...

@antonio: bhe, un film geniale ma anche molto triste, lo rivedo sempre volentieri.

E' triste e delicato solo come può esserlo la vita.

Concordo con il tuo commento a pieno.

cattivo maestro ha detto...

Ho letto il tuo bel post e ho condiviso uno stato d'animo che in questi giorni spesso vivo anch'io. Non so se riuscirà a consolarti, ma sono sicuro che ti emozionerà: http://occhichesannoguardare.myblog.it/archive/2008/09/07/rewind.html#more

connemara ha detto...

bel post condivido lo stesso stato d'animo
ciao